World Socialist Web Site
 

WSWS : Italiano

Le elezioni in Italia intensificano la crisi dell'Unione Europea

Peter Schwarz
7 marzo 2018

Per stampare

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 3 marzo 2018

A meno che i sondaggi non si rivelino errati, le elezioni parlamentari di domani in Italia introdurranno una nuova fase nella crisi e nell'instabilità dell'Unione Europea (UE).

Nessun partito e nessuna alleanza elettorale si aspetta di ottenere una maggioranza governativa. In base alla legge elettorale, che viene utilizzata per la prima volta, e assegna un terzo dei seggi ai candidati che finiscono per primi nelle circoscrizioni elettorali e due terzi dei seggi alle liste regionali, il 42 per cento dei voti è necessario per un governo di maggioranza.

L'alleanza elettorale di destra del 3 volte premier Silvio Berlusconi, che comprende anche l'estrema destra della Lega e i fascisti di Fratelli d'Italia, è vicina a raggiungere questo obiettivo con il 38 per cento di sostegno. Ma anche questi partiti sono profondamente divisi, il che significa che anche se si assicurassero la maggioranza, un governo stabile sarebbe improbabile.

Il partito unico più forte, secondo i sondaggi a quasi il 30 per cento, è il Movimento Cinque Stelle (M5S) fondato dal comico Beppe Grillo. Non ha alleati elettorali. I Democratici (PD), che guidano l'attuale governo, hanno il sostegno di appena il 22 per cento, mentre Liberi e Uguali (LeU), nato da una scissione dal PD, gode del sostegno del 5 per cento.

L'Italia rischia così di precipitare in una crisi più profonda lo stesso giorno in cui è stato annunciato il voto di membri socialdemocratici tedeschi su un nuovo governo, che potrebbe risolvere una crisi governativa di cinque mesi e mezzo. Con una popolazione di 61 milioni, l'Italia sarà il terzo paese più grande dell'UE dopo l’uscita della Gran Bretagna.

Considerato l'elevato indebitamento dell'Italia—al 130 per cento della produzione economica l'Italia ha il più alto livello di debito pubblico in percentuale del PIL dopo la Grecia, con le banche che siedono sulla più grande quantità di asset tossici in Europa—una crisi governativa prolungata potrebbe destabilizzare rapidamente l'intero sistema finanziario europeo. Il commissario europeo Jean-Claude Juncker ha quindi avvertito che è necessario "prepararsi allo scenario peggiore".

Ma la vera fonte della crisi non è la frammentazione politica del futuro parlamento, bensì la polarizzazione sociale in tutto il Paese, che trova una espressione estremamente distorta e maligna all'interno del sistema ufficiale dei partiti.

La crescita della povertà e della precarietà, che è caratteristica di tutti i paesi europei e ha colpito ampie fasce della classe lavoratrice e sezioni della classe media, è particolarmente evidente in Italia. Mentre il prodotto interno lordo all'interno dell'UE è cresciuto dell'8,4 per cento nominalmente nell'ultimo decennio e del 12,3 per cento in Germania, in Italia si è ridotto del 5,4 per cento. La maggior parte della popolazione è in condizioni peggiori rispetto a 10 anni fa. Il tasso ufficiale di disoccupazione è dell'11 per cento e del 30 per cento tra i giovani.

Questa è la ragione del declino del Partito Democratico. Il PD, che emerse dal PCI e ha inglobato una sezione degli ex democristiani, ha organizzato in collaborazione con l'UE la distruzione dei diritti dei lavoratori conquistati, gli attacchi alle pensioni e il taglio della spesa sociale. Il loro candidato premier, Matteo Renzi, che autoproclamatosi "rottamatore" delle vecchie élite ha vissuto un breve periodo di popolarità, è oggi tra i politici più insultati in Italia.

Il PD ha condiviso il destino di altri partiti socialdemocratici: il PASOK della Grecia, che nel giro di sei anni si è schiantato dal 44 per cento al misero 6 per cento di sostegno; Il Partito Socialista Francese, che nel giro di cinque anni è passato dall'essere il più grande partito del Paese ad appena il 7 per cento dei voti; il Partito Laburista olandese (PvdA), che ha ottenuto solo il 6 per cento di sostegno l'anno scorso; e i socialdemocratici tedeschi (SPD), che hanno ottenuto solo il 20 per cento dei voti nelle elezioni dello scorso settembre, il peggior risultato nella sua storia post-bellica.

In passato, i partiti socialdemocratici assicuravano la stabilità dell'ordine capitalista attraverso riforme sociali e concessioni. Ma sotto la pressione della globalizzazione, della crisi sempre più profonda del sistema finanziario e dei conflitti inter-imperialisti, sono stati trasformati nei più feroci sostenitori delle politiche di austerità, del rafforzamento dell'apparato statale repressivo e della guerra. Questa è la ragione del loro declino.

Gli interessi sociali della classe lavoratrice non trovano alcuna espressione politica indipendente nel sistema partitico esistente. La campagna elettorale è stata quindi dominata da nocivi e ripugnanti sviluppi di estrema destra.

Una questione elettorale centrale è stata una violenta campagna di propaganda contro i rifugiati. Mentre i sostenitori della destra hanno presentato apertamente la loro visione fascista, hanno chiesto la deportazione di mezzo milione di persone e difeso un fascista che ha sparato indiscriminatamente ad immigrati nella piccola città di Macerata, i democratici si sono presentati come il partito più capace di difendere i confini dell'Italia e impedire ai rifugiati di entrare in Europa.

Dietro a tali spettacoli disgustosi, si scatenano aspri conflitti sociali. La lotta di classe, che è stata a lungo soffocata dalla socialdemocrazia, dai sindacati e dai loro alleati nella pseudo-sinistra, è ancora una volta in aumento a livello internazionale. La ribellione degli insegnanti del West Virginia negli Stati Uniti, che stanno scioperando da giorni sfidando i loro leader sindacali, segna una pietra miliare in questo sviluppo.

Le lotte dei lavoratori contro tagli salariali, licenziamenti e condizioni di lavoro insopportabili si stanno verificando anche in Europa con maggiore regolarità. Questo non può che avere un effetto sull'Italia, che ha una lunga tradizione di lotta militante della classe lavoratrice. Due anni fa, scioperi e proteste importanti scoppiarono contro il Jobs Act del governo Renzi.

Di fronte a questi sviluppi, tutte le parti si stanno avvicinando tra loro. Il M5S, che ha ottenuto il sostegno per le sue invettive rabbiose contro la corruzione dei partiti esistenti e che finora ha rifiutato ogni cooperazione con loro, ha dichiarato di essere pronto a unirsi a un governo di coalizione e ha abbandonato la sua retorica anti-UE.

Il loro candidato premier, il 31enne Luigi di Maio, ha parlato con gli studenti di Harvard, banchieri a Londra e uomini d'affari nel nord Italia e li ha rassicurati sul fatto che il suo partito eliminerebbe rapidamente gli asset tossici delle banche, abbandonando l'intenzione annunciata di indire un referendum su l'UE e cooperare con le altre parti per garantire che l'Italia non scenda "nel caos".

Berlusconi e Renzi, che hanno collaborato a stretto contatto per approvare la nuova legge elettorale e godono di stima reciproca, hanno sollevato la prospettiva di un governo di coalizione.

Berlino e Parigi stanno rispondendo alla crisi in Italia, portando avanti la trasformazione dell'UE da un'unione economica a un'unione militare capace di perseguire i propri interessi predatori in tutto il mondo, costruendo un esercito europeo e rafforzando la polizia e l'apparato di intelligence per sopprimere la lotta di classe. Questa è l'essenza dell'accordo di coalizione per un nuovo governo tedesco, che assumerà incarichi nei prossimi giorni a meno che i membri dell'SPD votino per rifiutarlo.

Non c'è pressoché alcun sostegno fra la popolazione per queste politiche che la maggior parte dei partiti italiani difende. Porteranno ad aspri conflitti politici e lotte di classe. Queste lotte richiedono una prospettiva politica. Possono avere successo solo se si organizzano indipendentemente da tutti i partiti borghesi, dai loro sostenitori nei sindacati e di pseudo-sinistra.

La classe lavoratrice deve unirsi a livello internazionale e lottare per un programma che colleghi la lotta contro la guerra, il fascismo e gli attacchi sociali con la lotta contro la loro causa: il sistema di profitto capitalista. Questo è il programma sostenuto dal Comitato Internazionale della Quarta Internazionale e dalle sue sezioni.