World Socialist Web Site www.wsws.org

WSWS : Italiano

Italia: l'arresto del sindaco di Riace provoca proteste

Allison Smith
16 ottobre 2018

Per stampare

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 10 ottobre 2018

L'arresto di Domenico Lucano, il sindaco di Riace, in Calabria, soprannominata "città dell'ospitalità", ha scatenato proteste pro-immigrati in tutta Italia lo scorso fine settimana.

Si stima che circa 6.000 persone abbiano manifestato a Riace contro l'arresto di Lucano da parte della Guardia di Finanza con l'accusa di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e abuso di fondi pubblici. Le proteste si sono svolte anche a Milano e a Roma. Molti sostenitori hanno postato su Twitter per denunciare il suo arresto e le politiche anti-immigrati "fasciste" del governo di coalizione.

Secondo le autorità, in una conversazione intercettata tra Lucano e la sua compagna Tesfahun Lemlem i due avrebbero ammesso di aver organizzato il matrimonio di una donna nigeriana per evitare la sua deportazione. Lucano avrebbe anche ricevuto in maniera fraudolenta contratti di raccolta di spazzatura per le aziende che sostengono i lavoratori immigrati, cosa che ha irritato la mafia locale.

Nel 1998, Lucano accolse i primi immigrati e richiedenti asilo a Riace (un'imbarcazione carica di immigrati curdi che si erano riversati sulle sue rive) per salvare la cittadina dal totale collasso economico e proteggere gli immigrati dalla deportazione. Da allora, la popolazione di Riace è salita a 1.500, di cui 400 immigrati provenienti da 20 paesi. Ai migranti vengono dati alloggi e posti di lavoro per riparare strade e case, cuocere il pane, riaprire dei bar o creare negozi di artigianato locale. Le sue politiche hanno attirato l'attenzione internazionale e l'ira delle autorità italiane.

L'arresto di Lucano avviene sulla scia di un accordo sull'immigrazione al vertice dell'Unione Europea (UE) a Bruxelles lo scorso giugno, in cui il governo della coalizione del Movimento 5 Stelle (M5S) e la Lega hanno insistito sulle disposizioni per i finanziamenti dell'UE per i campi di prigionia dei rifugiati in Turchia e Nord Africa. Hanno anche chiesto di costruire campi di detenzione chiusi in Europa per coloro che cercano asilo e la costruzione di altri campi di questo tipo, denominati "piattaforme di sbarco regionali", lungo le rotte di navigazione per le navi dei migranti.

L'accordo dell'UE si impegna inoltre a bloccare i movimenti di rifugiati tra i paesi dell'UE stessa. Infine, il piano richiede la riscrittura dei cosiddetti Accordi di Dublino sulla legge dell'UE in materia di asilo, che impongono ai rifugiati di presentare domanda di asilo nel primo paese dell'UE che raggiungono. L'Italia è il primo paese di destinazione per migliaia di immigrati e il governo italiano sta lavorando per impedire ai migranti di chiedere asilo quando raggiungono il confine italiano.

Negli ultimi anni, il governo ha emanato leggi per criminalizzare l'immigrazione. Nel 2002, l'allora primo ministro Silvio Berlusconi e i suoi partner di coalizione, Gianfranco Fini della neo-fascista Alleanza nazionale e Umberto Bossi del partito secessionista di estrema destra Lega Nord (predecessore della Lega), lanciarono un attacco congiunto contro gli immigrati poveri, con la famigerata " Legge Bossi-Fini, "che introdusse sanzioni penali per le persone catturate illegalmente nel Paese o che ritornano dopo essere state espulse.

Secondo la legge, un immigrato che viene fermato senza permesso di soggiorno deve essere espulso immediatamente. Gli immigrati sono anche soggetti ad arresti e detenzioni da sei a dodici mesi, seguiti da espulsione immediata, se catturati tentando di rientrare in Italia prima della scadenza di un divieto di reingresso. Un secondo reato è punibile con la reclusione fino a quattro anni. La legge aumenta anche il limite di tempo per l'isolamento nei centri di detenzione in attesa di estradizione. Ciò è stato esteso da 30 giorni a 60 giorni e i richiedenti asilo sono stati messi in stato di detenzione in attesa della revisione dell'asilo, in violazione dell'articolo 5 della Convenzione europea sui diritti dell'uomo che dice: "Ogni individuo ha diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della propria persona".

I governi successivi, incluso il centrosinistra, non hanno mai agito per abrogare questa misura draconiana.

Mentre i media borghesi hanno espresso un certo grado di simpatia per Lucano e preoccupazione per la direzione dell'Italia verso uno stato autoritario, parlano per le stesse forze di centro e di pseudo-sinistra che hanno aperto la strada all'attuale politica immigratoria del governo.

Il M5S, con la sua falsa postura anti-establishment, sta rivelando i suoi veri colori. Nonostante tutte le loro critiche nei confronti di Berlusconi e del Partito Democratico (PD), si stanno spostando a destra di entrambi e non hanno problemi nell'attuazione e nell'ulteriore elaborazione del quadro giuridico adottato dal PD contro i lavoratori immigrati.

In effetti, il M5S sta onorando il proprio manifesto, che giura di eliminare gli "affari" legati all'immigrazione clandestina e promette di rafforzare la sicurezza delle frontiere assumendo 10.000 agenti di polizia e costruendo nuove prigioni.

Un post del 7 ottobre sul blog del M5S si intitola: "Riace non era un modello, è finita l'era del business dell'immigrazione". Il post sul blog, scritto dal sottosegretario del M5S Carlo Sibilia, conferma il ritiro dei fondi per la città calabrese: "'Zero fondi per Riace. Abbiamo deciso di ridurre a zero la speculazione sull’accoglienza. Per Riace non ci sono coperture e il nostro governo si è posto l’obiettivo di eliminare i finanziamenti a pioggia in tema di politiche migratorie' Queste le mie dichiarazioni rese in occasione della visita in Calabria il 6 agosto scorso. Oggi, dopo l'arresto del sindaco di Riace nell'ambito dell'operazione Xenia effettuata dalla Guardia di Finanza, sono più comprensibili".

Le politiche del M5S non offrono nulla di progressivo, compreso il "Reddito di cittadinanza" che, anche se emanato, viene dato con così tante restrizioni da renderlo privo di significato. Cercano di agitare l'opinione pubblica contro gli immigrati e i lavoratori migranti per distogliere l'attenzione dalle promesse elettorali e dai problemi reali che affliggono la società italiana: salari da fame, precarietà, infrastrutture fatiscenti e altro.

C'è una diffusa preoccupazione tra gli italiani sull'immigrazione, ma c'è anche simpatia di massa per la condizione degli immigranti e una consapevolezza che il significativo aumento dell'immigrazione è dovuto alle guerre senza fine e alla distruzione economica all'estero.

L'attuale governo è totalmente di destra. Se questo è ciò che lo stato italiano sta facendo a un membro dell'élite politica come un sindaco, la classe lavoratrice deve essere consapevole che gli attacchi draconiani di questa amministrazione contro gli immigrati saranno estesi anche ai lavoratori italiani stessi. L'unica strada per i lavoratori e i giovani italiani è lo sviluppo di un movimento socialista e internazionalista in opposizione al governo e all'elite finanziaria che controlla le leve del potere in Italia.

 



Copyright 1998-2017
World Socialist Web Site
All rights reserved