Italiano

Il capitalismo è in guerra con la società

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 13 marzo 2020

La pandemia del coronavirus si sta trasformando in una crisi sociale, economica e politica su una scala senza precedenti. La drastica caduta di una settimana fa (12 marzo) dei mercati globali, soprattutto negli Stati Uniti, dove Wall Street ha registrato la più alte perdite in un solo giorno dal 1987, è nata dalla consapevolezza che la pandemia avrà un impatto enorme sull’economia mondiale e sconvolgerà profondamente l’ordine sociale esistente.

Le stime sulla probabile entità dei decessi dovuti alla malattia stanno causando una crescente ansia. Il numero totale di infezioni confermate in tutto il mondo si sta avvicinando a 150.000 e sta crescendo in modo esponenziale, ma ciò sottovaluta enormemente la realtà. A causa della mancanza di tamponi adeguati e del lungo periodo di latenza prima dei sintomi, il numero effettivo è molto più alto. Il numero ufficiale di morti è ora superiore a 5.000 (al 13 marzo), e le vite di innumerevoli milioni di persone in tutto il mondo sono in pericolo.

L’Italia sta intensificando la quarantena nazionale, quasi tutti i negozi sono chiusi e le strade vuote. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto che il 60-70 per cento della popolazione sarà infettata, il che significa che milioni di persone avranno o bisogno di cure intensive o moriranno. Secondo quanto riferito, l’Iran ha iniziato a scavare delle fosse comuni mentre la spirale epidemica è fuori controllo. La Francia sta chiudendo tutte le scuole e le università. Negli Stati Uniti, i principali eventi sportivi e di intrattenimento pubblici sono stati cancellati e i negozi di alimentari hanno rapidamente esaurito i generi di prima necessità.

La pandemia del coronavirus ha messo a nudo l’incapacità del sistema capitalista di affrontare una tale crisi. I governi di tutto il mondo hanno risposto con un livello di incompetenza e disordine sconcertante. Non sono stati fatti i preparativi per un disastro del tutto prevedibile. I sistemi sanitari, affamati di risorse, sono sopraffatti.

La completa incapacità degli Stati Uniti, il Paese capitalista più ricco del mondo, di rispondere a questa emergenza è un atto d’accusa nei confronti di un governo e dell’intero sistema economico.

Nel suo discorso nazionale di mercoledì sera, il presidente Donald Trump ha incarnato l’indifferenza dell’oligarchia capitalista nei confronti della vita di milioni di persone. La sua diatriba nazionalista ha dato la colpa del «virus straniero» alla Cina e all’Europa.

Il discorso di Trump è arrivato dopo settimane in cui il presidente, concentrato interamente sull’impatto della crisi sulla borsa americanaha proclamato che tutto andava bene, che il coronavirus non era una grave minaccia. Non è riuscito ad esprimere un briciolo di empatia per i milioni di persone che negli Stati Uniti e a livello internazionale vedono la loro vita sconvolta. Non ha annunciato alcuna misura per affrontare l’assenza di tamponi o l’estrema carenza di strutture sanitarie.

Non si tratta, tuttavia, solo della personalità sociopatica dell’attuale occupante della Casa Bianca. Trump è il prodotto del capitalismo americano, di una società dominata da livelli di disuguaglianza senza precedenti, in cui l’élite finanziaria ha accumulato un’enorme ricchezza a scapito di tutto il resto.

Il carattere di classe della risposta del governo è stato svelato con chiarezza giovedì. La Federal Reserve, nel disperato e futile tentativo di contrastare la cessione di Wall Street, ha annunciato di aver stanziato 1,5 trilioni di dollari per l’acquisto di azioni e altre attività. Il Congresso USA, invece, sta mercanteggiando su qualche miliardo di dollari in assistenza a chi ha perso il lavoro o comunque è stato colpito—una bazzecola rispetto a quanto è urgentemente necessario.

Lo scoppio della pandemia e le sue conseguenze possono essere compresiesclusivamente nel contesto dello sviluppo del capitalismo globale degli ultimi quattro decenni. Questie quattro decadi hanno rivelato tutte le caratteristiche socialmente reazionarie di un sistema basato sulla proprietà privata dei mezzi di produzione, in cui tutte le considerazioni di necessità sociale sono subordinate alla spinta verso il profitto e all’enorme ricchezza personale. Il motto dell’oligarchia capitalista è: «Se l’accumulo dei nostri miliardi richiede la morte di milioni di persone, così sia».

Nel 1987, il primo ministro britannico Margaret Thatcher dichiarò vergognosamente che«la società non esiste». Il motto della Thatcher era la giustificazione di un attacco all’ingrosso ai programmi sociali e alle infrastrutture e di un massiccio trasferimento di ricchezza dalla classe lavoratrice ai ricchi. Per quattro decenni le élite al potere, soprattutto negli Stati Uniti, si sono impegnate nel saccheggio sociale. Tutta la politica si è basata sull’arricchimento privato dei «pochi» a spese della società.

Entrambi i partiti politici, sia quello democratico che quello repubblicano, hanno presieduto a questo incendio doloso sociale. Negli ultimi tre anni, mentre Trump ha sferrato il suo assalto ai lavoratori e agli immigrati, i Democratici hanno proclamato che la minaccia principale per il popolo americano proveniva dalla Russia. Tutta l’opposizione sociale al regime di Trump è stata subordinata all’agenda reazionaria delle agenzie militari e dei servizi segreti.

Solo ora ne osserviamo le conseguenze. Più di ogni altro paese, gli Stati Uniti hanno rivelato un livello di impreparazione che possiamo definire «criminale». Giovedì scorso, il direttore del dipartimento della salute dell’Ohio ha dichiarato che evidenza della diffusione della comunità indica che l’un per cento dei residenti nello stato sono infetti, ovvero 117.000 persone. Ma, solo cinque individui sono risultati positivi.

Il Center for Disease Control ha la capacità di esaminare solo 300-350 tamponi al giorno. In pratica riesce a gestirne anche meno. Durante questa settimana, anche se il contagio si è diffuso in tutto il Paese, sono stati esaminati solamente otto tamponiil martedì e nessun tampone il mercoledì. Anthony Fauci, il direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, ha riconosciuto nella sua testimonianza di giovedì, davanti al Congresso, che «il sistema non è realmente orientato a ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento... Questo sta fallendo».

Con la diffusione della malattia, il sistema sanitario negli Stati Uniti sarà rapidamente sopraffatto. Il numero di letti d’ospedale e di unità di terapia intensiva è del tutto inadeguato a soddisfare la domanda prevista, il che significa che decine di migliaia di persone semplicemente non saranno in grado di ricevere cure, aumentando enormemente il numero di morti. Gli operatori sanitari dovranno far fronte ad una carenza di forniture critiche, tra cui maschere e altre attrezzature essenziali, esponendo se stessi e i loro pazienti a rischi sempre maggiori.

I luoghi di lavoro non sono attrezzati per garantire la sicurezza: molti lavoratori che denunciano condizioni di insalubrità, mancanza di sapone e persino di acqua calda. Giovedì scorso, un operaio di un autolavaggio di uno stabilimento Fiat Chrysler in Indiana è risultato positivo alla malattia, ma lo stabilimento, un elemento fondamentale per la produzione FCA, è stato tenuto aperto. Gli addetti ai servizi, la maggior parte dei quali non ha un congedo di malattia retribuito, sono pericolosamente esposti.

Mentre le scuole e università vengono chiuse, centinaia di migliaia di studenti devono affrontare lo sfratto dai loro dormitori senza che siano previsti alloggi alternativi. I genitori sono costretti a prendere delle ferie non retribuite dal lavoro o a trovare un aiuto casalingo per i bambini, senza nessuna assistenza prevista.

La stessa storia si ripete in ogni Paese. I governi si affannano per salvaguardare i profitti delle multinazionali, mentre milioni di persone affrontano le conseguenze senza alcuna assistenza. Non c’è un coordinamento o un piano per affrontare la pandemia. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, che si suppone esista per coordinare le risposte alle emergenze sanitarie, è impotente, le sue linee guida e i suoi regolamenti sono universalmente ignorati.

Tempo prezioso è stato sprecato quando la pandemia globale ha acquisito uno slancio fatale. Quando la pandemia si è manifestata per la prima volta a Wuhan, Washington era interessata allo sviluppo solo dal punto di vista di come la crisi in Cina potesse essere sfruttata a vantaggio geopolitico degli Stati Uniti. I media hanno prestato un’attenzione limitata alla minaccia e non hanno lanciato alcun appello per un’azione urgente e coordinata a livello globale.

In contrasto, basandosi su una prospettiva socialista internazionale che dà priorità agli interessi universali comuni della classe lavoratrice, il Comitato Internazionale della Quarta Internazionale e i suoi Partiti dell’Eguaglianza Socialista affiliati hanno riconosciuto il pericolo e lanciato l’allarme. Il WSWS ha avvertito già lo scorso 28 gennaio: «L’epidemia ha esposto l’enorme vulnerabilità della società contemporanea a nuovi ceppi di malattie infettive, pericoli per i quali nessun governo capitalista si è adeguatamente preparato». Il WSWS ha scritto che l’urgente necessità di un’azione coordinata a livello internazionale per combattere la pandemia è stata compromessa dai conflitti nazionali:

In un momento in cui una pianificazione razionale al di sopra dei confini nazionali è fondamentale per combattere la diffusione globale di una malattia virulenta, gli Stati Uniti e la Cina sono bloccati in un crescente conflitto commerciale e in quella che è stata definita una nuova «guerra fredda». Anche se i nuovi agenti patogeni richiedono le risorse scientifiche di ogni continente per combattere, i paesi del mondo stanno costruendo muri metaforici e reali.

La difesa della civiltà umana contro la minaccia di pandemie globali, proprio come il cambiamento climatico e la crescente minaccia di disastri ecologici, richiede un livello di pianificazione e cooperazione globale di cui il capitalismo è incapace. La società ha superato il sistema capitalistico e le divisioni arbitrarie che esso impone al mondo. La soddisfazione dei bisogni sociali più esistenziali richiede una pianificazione razionale. Cioè, richiede il socialismo.

Sei settimane critiche sono state sprecate dagli oligarchi al potere e la minaccia globale è cresciuta in modo esponenziale. Bisogna agire.

Il principio essenziale che deve guidare la risposta alla crisi è che i bisogni dei lavoratori del mondo devono avere la priorità assoluta e incondizionata su tutte le considerazioni sul profitto delle imprese e sulla ricchezza privata del capitalismo.

Il Partito dell’Eguaglianza Socialista e il Comitato Internazionale della Quarta Internazionale chiedono una mobilitazione massiccia e coordinata a livello internazionale delle risorse sociali per combattere il coronavirus, compresa l’assegnazione di trilioni di dollari per garantire l’accesso ai tamponi e alle cure mediche di una più alta qualità per tutte le persone contagiate. Un sistema di assistenza sanitaria basato sulla classe e sul profitto deve essere abolito, sostituito con una copertura uguale e universale. Deve essere avviato un massiccio programma di lavori pubblici per produrre le attrezzature mediche di cui si ha un disperato bisogno.

Devono essere adottate misure immediate per salvaguardare la salute dei lavoratori. I luoghi di lavoro in cui esiste il pericolo di diffusione del virus devono essere chiusi, garantendo un reddito completo a tutte le persone colpite. Nei luoghi in cui le scuole sono chiuse, i genitori devono avere un periodo di tempo libero retribuito. Gli studenti universitari costretti a lasciare i dormitori devono poter avere un alloggio sicuro. Deve esserci una moratoria sugli sfratti e le interruzioni di servizio, combinata con una moratoria sui pagamenti degli affitti e altre forme di assistenza d’emergenza.

Tutti coloro che sostengono, come Bernie Sanders, che tutto può essere fatto senza un assalto frontale al sistema capitalista stesso, stanno vendendo menzogne. In un discorso tenuto giovedì, Sanders ha dichiarato che ben 400.000 persone potrebbero morire a causa del coronavirus, e che la crisi «è sulla scala di una grande guerra». Sanders, tuttavia, ha ribadito la sua affermazione secondo cui le misure per affrontare la crisi possono essere realizzate attraverso le azioni sia del partito democratico che di quello repubblicano.

In realtà, ciò che la crisi dimostra è l’urgente necessità di un movimento politico di massa della classe lavoratrice negli Stati Uniti e a livello internazionale contro il capitalismo per la riorganizzazione socialista dell’economia mondiale. Quello a cui stiamo assistendo è la conseguenza di una società organizzata sulla base del profitto. Una società in cui tre individui possiedono più della metà della popolazione, non è in grado di risolvere nessuno dei grandi problemi che l’umanità si trova ad affrontare al momento.

Le grandi banche e aziende devono essere poste sotto proprietà pubblica e controllo democratico. Le vaste fortune dei ricchi devono essere espropriate per mettere a disposizione fondi che garantiscano l’accesso universale all’assistenza sanitaria, all’alloggio, ai servizi pubblici e ad altri bisogni sociali. Tutta la vita economica deve essere riorganizzata sulla base di un’economia globale e pianificata, eliminando l’ostacolo della proprietà privata e della motivazione di profitto. L’ultima considerazione nella mente di chiunque dovrebbe essere l’impatto sui profitti aziendali e sui valori delle azioni di Wall Street.

La pandemia ha messo a nudo l’inevitabile necessità di una ristrutturazione fondamentale della società. Non è la prima volta nella storia che una grande crisi dimostri che il progresso umano è inseparabile dalla lotta contro la disuguaglianza. In un nuovo importante libro, «La Grande Livellatrice», in cui viene raccontata la violenza e la storia della disuguaglianza dall’età della pietra al ventunesimo secolo, lo storico Walter Scheidel scrive: «Nel corso della storia registrata, i livellatori più potenti sono sempre provenuti dai più potenti shock. Quattro diversi tipi di fratture violente hanno appiattito la disuguaglianza: la guerra di mobilitazione di massa, la rivoluzione trasformativa, il fallimento dello Stato e le pandemie letali. Io li chiamo i Quattro Cavalieri del livellamento». Ognuno di questi Cavalieri è ora visibile.

È a rischio il futuro dell’umanità. Il capitalismo è in guerra con la società. La classe lavoratrice, sotto la bandiera del socialismo internazionale, deve fare la guerra al capitalismo.

Loading