Gli operatori sanitari italiani parlano della pandemia di coronavirus

Marc Wells
23 marzo 2020

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese il 21 marzo 2020

Il sistema sanitario italiano è sotto una pressione insopportabile a causa dell’aumento esponenziale delle infezioni da coronavirus e dei decessi. Venerdì le autorità italiane hanno annunciato un totale di 47.021 infezioni e 4.032 decessi.

Gli operatori sanitari stanno compiendo sforzi e sacrifici immensi per cercare di minimizzare l’impatto del virus e ridurre i decessi. Tuttavia, stanno affrontando i limiti di un sistema che, nonostante gli avvertimenti della comunità scientifica internazionale da 20 anni, è talmente affamato di fondi che non riesce a gestire adeguatamente le operazioni standard, per non parlare di una storica emergenza sanitaria.

La brutalità del virus non può essere sottovalutata: mentre molti dei deceduti hanno più di 80 anni, i rapporti quotidiani rivelano che nessuno, compresi i giovani, è al sicuro dai rischi di complicazioni a lungo termine o addirittura di morte.

Il Sud Italia (il «Mezzogiorno») non è stato ancora colpito al livello del Nord. Tuttavia, il numero dei contagiati sta aumentando rapidamente, mentre le infrastrutture sanitarie del Mezzogiorno sono una frazione di quelle più a nord.

Il 7 marzo, giorno in cui il governo Conte ha chiuso la regione Lombardia, un’ondata di emigrati si è precipitata nelle loro città d’origine meridionali, portando con sé il contagio. La situazione rischia ora di avere conseguenze disastrose: la Puglia ha raddoppiato il numero dei morti in un giorno, mentre la Sicilia e la Campania si preparano a mobilitare l’esercito.

Il WSWS ha parlato con il personale medico del centro Italia.

Emanuele Sorelli è infermiere in uno degli ospedali pubblici di Firenze. Il reparto di Medicina Generale dove lavora è stato convertito in un’unità specializzata COVID-19. «Il 10 marzo l’ospedale ha cambiato il criterio di valutazione e ha iniziato a testare tutti i pazienti in arrivo al Pronto Soccorso, non solo quelli con sintomi gravi. In 48 ore abbiamo scoperto che quasi tutti i pazienti in arrivo erano positivi».

Emanuele Sorelli

Emanuele ha spiegato la nuova procedura di test: «A differenza della Lombardia, qui in Toscana abbiamo deciso di testare tutti i pazienti in arrivo, per poi inviarli ai reparti COVID o No-COVID. Purtroppo la Lombardia ha dovuto affrontare un gran numero di malati e ha dovuto convertire interi ospedali alla cura di malattie infettive».

«L’ondata di contagio si sta lentamente spostando verso sud», ha detto Emanuele. «Ora, stiamo vedendo un numero maggiore di persone al centro; presto il sud sarà sopraffatto. Nel mio ospedale, molte unità No-COVID sono state convertite in COVID, a causa del rapido aumento. Solo oggi abbiamo aperto due nuove unità, domani ne apriremo un’altra».

Più a sud, ha detto, «La migrazione di quei lavoratori che tornavano alle loro città natali meridionali dopo la dichiarazione di zona rossa del governo inizierà a produrre effetti nella prossima settimana. La Toscana e l’Emilia Romagna sono forse le migliori infrastrutture sanitarie, ma in Campania, Basilicata, che Dio ci aiuti!

«Le nostre unità sono completamente contaminate, in quanto queste sezioni non sono state originariamente allestite per le malattie infettive. Possiamo indossare il nostro equipaggiamento protettivo per 2-3 ore alla volta, è estenuante. L’ospedale ha assunto nuovo personale di emergenza nell’ultima settimana, ex medici temporanei e infermieri». Ha osservato: «Il nostro problema è la mancanza di dispositivi di protezione e abbiamo già segnalato 4 positivi tra i miei colleghi (in realtà sono malati)».

Il virus è altamente contagioso: «Presumiamo che la maggior parte di noi sia positiva. Siamo tutti contaminati, comprese le nostre famiglie. Ho mal di gola, e anche la mia compagna e mia figlia. Speriamo che non si trasformi in polmonite. Il problema non sono i nostri pazienti, ma il contagio tra i colleghi che lavorano in piccoli spazi. E rischiamo di contagiare i pazienti che sono negativi».

Infermiere e paziente nel reparto di Emanuele Sorelli

Emanuele ha detto che dal 5 al 10 per cento dei pazienti si ammala di polmonite interstiziale. «Di questi, il 5-10 per cento richiede intubazione e terapia intensiva. Per questi, sono necessarie aree specializzate, e abbiamo una pericolosa carenza di letti. In queste aree è necessaria un’infermiera per paziente, più le attrezzature. E non c’è dubbio che in Lombardia hanno dovuto fare scelte difficili su quale vita salvare. Gli anziani sono sacrificati».

Infine, ha avvertito: «La polmonite interstiziale può non avere sintomi. Poi improvvisamente avanza fino al soffocamento. I pazienti richiedono un’intubazione immediata. Un paziente di 30 anni lo richiedeva, ed era sotto shock perché riusciva ancora a respirare bene. Il tempo è la differenza tra la vita e la morte.

«La distanza sociale è essenziale. Nel Sud Italia, l’attrice protagonista di uno spettacolo teatrale era positiva e ha contagiato tutti, il cast e il pubblico. Molti di noi non hanno idea di essere positivi».

A proposito della sicurezza sul lavoro, ha detto: «C’è carenza di attrezzature, soprattutto di maschere. Nessun paese ce le venderà. L’Unione Europea non ci ha aiutato, non capiscono che quello che succede in Italia si propagherà inevitabilmente in Europa. Solo la Cina ci ha aiutato con i rifornimenti. Una volta esaurite le maschere FFP2 e FFP3, saremo completamente esposti».

Il WSWS ha parlato anche con il Prof. Stefano Arcieri, medico primario del Policlinico di Roma, il policlinico della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università Sapienza di Roma.

Ha detto: «Stiamo pagando per una gestione inadeguata della risposta iniziale. Il pericolo di contagio non era stato valutato correttamente circa 10-12 giorni fa. Le direttive erano facoltative e lassiste; ora è stato attuato l’allontanamento sociale, con gravi restrizioni. È importante pensare in termini collettivi: le maschere devono essere indossate intorno alle persone anziane o con patologie per proteggerle da un possibile contagio, soprattutto da persone che sono positive ma asintomatiche o che possono essere inconsapevolmente positive».

Stefano Arcieri

Arcieri ha raccomandato misure preventive: «Lavarsi bene le mani, il virus viaggia attraverso le goccioline e sopravvive sulle superfici per ore, se non giorni, anche se nessuno studio conclusivo lo ha determinato con assoluta precisione. Evitare di toccare qualsiasi parte del viso.

«C’è una tendenza all’aumento del contagio. Speriamo che le misure di contenimento diano i loro frutti e che le infezioni possano diminuire, almeno sulla base dell’esperienza cinese».

Il Prof. Arcieri ha commentato sulla rapida diffusione: «La Lombardia è probabilmente la regione più colpita in Italia per il suo ruolo negli scambi internazionali, soprattutto in termini industriali e commerciali. Poi, una volta che la questione è diventata evidente, abbiamo assistito alla migrazione di decine di migliaia di persone verso il sud, che senza dubbio hanno portato il contagio in alcune delle aree più povere del Paese che soffrono di un sistema sanitario debole.

Al momento non esiste una cura. Alcuni farmaci antivirali sono promettenti, ma ci vorranno almeno 8-9 mesi. Pertanto, un modo più efficace per combattere questo fenomeno è quello di prepararsi e prevenire. Dobbiamo mantenere una salute equilibrata, riposare a sufficienza, seguire una dieta corretta e cercare di mantenere un equilibrio psico-fisico. Mantengo una pagina Facebook, Capire per Prevenire, con un vasto pubblico a cui do consigli medici e rispondo a domande».

Secondo lui, «I numeri che vediamo in Italia sono sicuramente una sottovalutazione. C’è una grande massa di positivi tra noi che sono asintomatici. E credo che in Italia i numeri alti siano il risultato di una rendicontazione più accurata rispetto agli altri Paesi europei».

Il Prof. Arcieri ha commentato in modo critico: «Devo dire che ogni Paese ha risposto con ritardo. Probabilmente nessuno si aspettava una tale diffusione a livello mondiale». Una cosa è certa: oltre alla crisi sanitaria, ci troviamo di fronte a una crisi economica mondiale; devono essere impiegate risorse massicce. Il personale medico non è testato, anche se le richieste sono state inoltrate. Data la nostra esposizione, sembra una richiesta ovvia.

In conclusione, ha detto: «Tutti devono avere un ruolo. Se tra un mese o due l’Italia dovesse trovarsi nelle stesse condizioni della Cina di oggi, che mostrano un miglioramento, ciò significherebbe che l’Italia non ha ancora risolto il problema. Una soluzione può essere trovata solo a livello globale, o la miccia si accenderà da qualche parte e si ricomincerà tutto da capo. Il problema qui si pone alla popolazione mondiale, non a un determinato Stato-nazione. Alcuni Paesi impediscono alle persone di entrare nei loro territori, ma questo non risolverà il problema. Non combattiamo solo a casa nostra, il campo di battaglia è il mondo intero. Non ci sarà soluzione al di fuori di uno sforzo coordinato a livello internazionale».