La classe lavoratrice, il socialismo e la lotta contro la pandemia

David North
1 aprile 2020

Questo articolo è stato precedentemente pubblicato in inglese l1 aprile 2020

Una registrazione audio di questa prospettiva in inglese da parte dellautore, David North, è disponibile nel podcast di oggi di WSWS.

Nel Programma di Transizione, il documento fondatore della Quarta Internazionale, Leon Trotsky descriveva gli scioperi sit-down scoppiati negli Stati Uniti nel 1936-37, nel bel mezzo della Grande Depressione, come l’espressione «dell’aspirazione istintiva degli operai americani a portarsi al livello dei compiti che la storia pone dinanzi a loro».

Questa intuizione del grande stratega del socialismo internazionale del ventesimo secolo fornisce un quadro storicamente fondato per comprendere il significato dell’eruzione degli scioperi spontanei e delle proteste dei lavoratori di Instacart, Amazon e Whole Foods. Ci sono state anche segnalazioni di proteste da parte dei lavoratori della General Electric in Massachusetts e Kentucky, dei lavoratori di Perdue in Georgia e delle infermiere a San Francisco. Tutte queste azioni sono state in risposta alla criminale subordinazione della sicurezza dei lavoratori ai profitti aziendali.

La caratteristica di ogni grande crisi è quella di mettere a nudo le contraddizioni che si sono accumulate e soppresse per decenni. Tutto ciò che è arretrato, anacronistico, corrotto e, nel senso più profondamente oggettivo, assurdo e persino irrazionale nell’organizzazione economica, nella struttura sociale, nella leadership politica e nell’ideologia dominante della società esistente è brutalmente e completamente esposto.

Ciò che è stato fino a ieri glorificato è improvvisamente disprezzato. Gli eroi le cui conquiste sono state lodate diventano oggetti di disprezzo universale. La vista di coloro che rappresentano, o sono visti come apologeti dell’establishment dominante, evoca tra le masse di persone un sentimento di indignazione, rabbia e disgusto.

La pandemia è una crisi di questo tipo. In poche settimane ha screditato agli occhi di milioni di persone l’ordine sociale, politico ed economico esistente. Gli Stati Uniti, di gran lunga il paese più ricco del mondo, con le più grandi banche e società, e la patria del maggior numero di miliardari, si sono dimostrati incapaci di organizzare qualcosa di simile a una risposta efficace alla malattia.

Non esisteva un piano per rallentare e fermare la diffusione del virus COVID-19. Il pericolo di una pandemia letale è stato oggetto di numerosi studi medici e rapporti governativi negli ultimi due decenni. Questi avvertimenti sono stati minimizzati e ignorati. Per un sistema economico e politico il cui obiettivo primario è stato l’arricchimento di un’oligarchia parassitaria, la deviazione delle risorse finanziarie verso aree di ricerca e produzione che non generavano alti livelli di profitto è stata vista come uno spreco di tempo e denaro.

Il risultato della politica sociale reazionaria è ora visto nel contesto di morti in espansione, mentre la pandemia si diffonde a New York, Boston, Detroit, Chicago, New Orleans e Los Angeles. Nessuno Stato o grande città può aspettarsi di essere risparmiato. Le zone rurali, che non sfuggiranno alla pandemia, mancano in molti casi anche delle strutture più rudimentali per far fronte alle infezioni di massa.

Gli Stati Uniti, che spendono centinaia di miliardi per gli armamenti più avanzati per le loro molteplici guerre in una o nell’altra parte del mondo, non possono fornire ai loro ospedali ventilatori o agli operatori sanitari maschere facciali e altri dispositivi di protezione. I test necessari per rintracciare e contrastare il virus non sono disponibili. Innumerevoli migliaia di persone che lamentano sintomi associati al coronavirus non sono in grado di sapere con certezza se sono infetti o meno.

Medici, infermieri e tutti coloro che forniscono un supporto essenziale ai pazienti lavorano dalle 15 alle 18 ore al giorno e sono essi stessi in costante pericolo di contrarre la malattia. I letti d’ospedale necessari per i malati che hanno disperatamente bisogno di cure non esistono. Gli obitori sono sovraffollati. Perfino ai morti viene negata la dignità a cui hanno diritto.

La crisi ha messo a nudo gli interessi inconciliabilmente opposti che sono radicati nella società americana. Non c’è bugia più grande di «Noi (cioè, capitalisti e lavoratori) ci siamo dentro tutti insieme». No, «Noi» certamente non lo siamo! L’élite finanziaria delle imprese al potere e la classe lavoratrice vivono questa crisi in modi profondamente diversi, e le loro preoccupazioni e priorità sono mondi a parte.

Fin dall’inizio, la principale preoccupazione dell’élite finanziaria e dei suoi tirapiedi politici nei partiti democratico e repubblicano è stata quella di proteggere la sua ricchezza, e il sistema di profitto capitalistico su cui si basa, dalle ricadute economiche della pandemia. Non è stato il tasso di contagio e l’aumento del numero di morti a spingere all’azione il governo Trump e il Congresso, ma l’improvvisa e massiccia caduta dei valori delle azioni a Wall Street.

Come nel 2008, ma ora su scala ancora maggiore, la classe dirigente ha chiesto l’immediata immissione di miliardi di dollari nei mercati finanziari e nelle casse delle multinazionali. Le parole che vengono sempre usate per negare gli aumenti salariali ai lavoratori e per giustificare i massicci tagli alla spesa per i servizi sociali essenziali - «Non c’è denaro» - non sono state proferite nelle sale del Congresso. Il legislativo ha votato per mettere a disposizione delle banche e delle imprese somme di denaro illimitate, senza alcuna restrizione o supervisione significativa sull’uso dei fondi. Più importante di tutto, il salvataggio da sei trilioni di dollari - la seconda operazione di salvataggio di questo tipo in poco più di un decennio - è stata attuata senza interferire minimamente con la proprietà e la ricchezza del capitalismo. Per quanto riguarda la stragrande maggioranza della popolazione, la quantità di denaro destinata ai suoi bisogni ammontava a una frazione insignificante del pacchetto di salvataggio del Congresso.

La classe dirigente ha tirato un sospiro di sollievo. Una volta votato il salvataggio, il casinò di Wall Street è tornato presto in funzione e il valore delle azioni è aumentato, in pochi giorni, del 20 per cento. Ma i trilioni tirati fuori dal Congresso bipartitico - una dimostrazione di unità alla quale il senatore Bernie Sanders ha debitamente partecipato - hanno intensificato la crisi economica di fondo, generata da decenni di parassitismo capitalista associato al processo di finanziarizzazione, ovvero la sempre maggiore separazione tra la creazione di denaro e il processo di produzione. Per quanto gli economisti borghesi neghino con veemenza la teoria marxista del valore del lavoro, nessuna economia capitalista può sopravvivere senza l’utilizzo della forza lavoro della classe lavoratrice. Come ha brevemente osservato Marx: «Ogni bambino sa che una nazione che ha cessato di lavorare, non dico per un anno, ma anche per qualche settimana, perirebbe».

E così, la richiesta di un rapido ritorno al lavoro è stata presto avanzata. La nuova frase dell’ora era: «La cura per la pandemia non può essere peggiore della malattia.» Ignorando gli espliciti avvertimenti degli esperti sulla pandemia, Trump ha dichiarato che i lavoratori dovrebbero tornare al lavoro entro due settimane. Il fatto che questa decisione sconsiderata, se attuata, sarebbe costata centinaia di migliaia di vite umane è per Trump motivo di indifferenza.

Ma è proprio su questo tema che è esploso il profondo e inconciliabile conflitto tra gli interessi e gli obiettivi della classe capitalista e quelli della classe lavoratrice.

La pretesa dei capitalisti, sostenuta da una parte sostanziale dei media - una ripresa prematura e pericolosa del lavoro - si oppone totalmente all’insistenza della classe lavoratrice di sopprimere la pandemia fermando la produzione non essenziale e rispettando rigorosamente le procedure di sicurezza per proteggere i lavoratori il cui lavoro è essenziale, sia nel loro interesse che in quello della popolazione che servono. Anche se l’amministrazione Trump si trova ora di fronte a un aumento esponenziale del tasso di infezioni e a un rapido aumento del numero di decessi, ripreso dalla richiesta di un rapido ritorno al lavoro, gli interessi delle imprese continuano a privare i lavoratori che forniscono servizi essenziali delle condizioni di sicurezza da cui dipende la loro stessa vita.

Le azioni di resistenza e di protesta dei lavoratori di Instacart, Amazon e Whole Foods e di altre sezioni della classe lavoratrice rivelano non solo la polarizzazione di classe nella società. Sono una prima espressione dei crescenti sforzi della classe lavoratrice per portare avanti una soluzione progressista a questa crisi, una soluzione che procede dalle necessità oggettive dell’umanità nel suo insieme.

Non c’è dubbio che le azioni dei lavoratori di Instacart, Amazon e Whole Foods siano sostenute dalla grande massa della classe lavoratrice. Per mobilitare e organizzare questo sostegno, esortiamo i lavoratori a formare comitati di rank-and-file per coordinare le loro lotte e costruire la massima unità possibile tra tutte le sezioni della classe lavoratrice.

L’azione industriale richiede un nuovo orientamento politico. È necessario rompere con il sistema bipartitico repubblicano-democratico capitalista, che è totalmente subordinato alla classe capitalista. È fondamentale che questo movimento, che insiste sulla priorità assoluta della vita sul profitto, acquisisca una direzione politicamente consapevole, cioè socialista. La lotta contro la pandemia è indissolubilmente legata alla lotta della classe lavoratrice contro il capitalismo.

A tal fine, il Partito dell’Eguaglianza Socialista avanza le seguenti richieste:

Nel portare avanti questo programma, dichiariamo apertamente che la sua realizzazione è legata al trasferimento del potere politico alla classe lavoratrice, sostenuta da tutte le forze progressiste della società.

Questa dichiarazione si concentra sugli sviluppi negli Stati Uniti. Ma la pandemia è una crisi globale e le stesse questioni sociali e politiche vengono sollevate in ogni Paese. Tutti i Paesi - e molti con risorse che non sono che una frazione di quelle a disposizione degli Stati Uniti - stanno vivendo la tragedia di questa pandemia. Ecco perché la lotta contro la pandemia richiede l’unità della classe lavoratrice su scala mondiale. Non c’è posto per lo sciovinismo nazionale e la politica dei grandi poteri in questa lotta.

Un secolo fa, alla vigilia della Prima Guerra Mondiale, la socialista rivoluzionaria Rosa Luxemburg disse che le alternative che l’umanità doveva affrontare erano il socialismo o la barbarie.

Oggi le alternative si presentano come il sistema capitalista del profitto e della morte, o socialismo e vita.

Ci rivolgiamo a tutti coloro che riconoscono la necessità di questa lotta per il potere dei lavoratori e il socialismo di unirsi al Partito dell’Eguaglianza Socialista.

 

L'autore inoltre raccomanda:

Come combattere la pandemia COVID-19: Un programma d’azione per la classe lavoratrice
[23 marzo 2020]